home
cerca nel sito
Fundraising.it

Idee e strumenti per fare fundraising
 

by Alberto
16.12.2008

Pro e contro per l'onp che deve aggiornare il sistema informatico

Quali vantaggi/svantaggi ha una organizzazione nonprofit a passare da Windows Xp a Windows Vista, qualii costi che potrebbe dover affrontare?

La domanda non è di facile risposta, in quanto ogni organizzazione nonprofit è un caso a se stante e direi che i problemi di un'organizzazione nonprofit sono spesso analoghi a quelli di un'organizzazione profit.

Tuttavia possiamo sviluppare alcuni punti:

  1. Non rivolgersi ad un fundraiser per problemi informatici: molto spesso le ONP confondono le tecniche di raccolta fondi sul Web con le strategie informatiche aziendali; per essere più chiaro, un conto è parlare di un video, di un database oppure di un sito ed un'altra cosa è scegliere le tecnologie più adatte a realizzare questi progetti. E' finito il tempo in cui bastava fare un video e piazzarlo su YouTube oppure preparare un sito un 60 minuti usando il primo CMS (Content management system) free di cui si è sentito parlare in qualche forum. Oggi serve la qualità per distinguersi ! Non intendo essere provocatorio, ma per rivedere un sistema informatico, oppure cercare di organizzare un nuovo sistema informatico non deve essere un'attività improvvisata, ma deve essere realizzata da persone con esperienza ed intuito. L'intuito è fondamentale in quanto permette di capire le tendenze informatiche presenti e future. Anticipare i tempi oppure capire il mondo informatico che si sta vivendo può permettere di far risparmiare molto denaro.

  2. Il consulente informatico può non essereil negozio che vi vende l'hardware oppure software. Il consulente serio può permettersi di indicare all'ONP le caratteristiche dell'hardware adatto alla vostra ONP, la quale deciderà secondo il suo maggiore interesse dove acquistare i computer. In pratica il negozio tende a vendervi prodotti e difficilmente ad indicare ad ogni lavoratore dell'ONP un computer adatto alle sue esigenze. Molto spesso ho visto postazioni di lavoro con caratteristiche del tipo: Intel Core 2 Quad Q6600 (2.40GHz, 8MB L2, 1066MHz FSB) HD 500GB - RAM 4096MB, usate per leggere la posta elettronica, scrivere letterine ai sostenitori, ed usare un foglio excel. Un esempio concreto in questo caso può chiarire meglio le idee. Se acquistate un desktop con le precedenti caratteristiche può costarvi circa 850 euro e l'ONP crede di aver fatto un affare, ed in effetti potrebbe esserlo perché il prezzo può essere interessante. In realtà colui che utilizza questo computer potrebbe farlo benissimo usando un computer di circa 250 euro (risparmiate 600 euro), oppure il computer revisionato utilizzato, ad esempio, in precedenza dall'amministratore del sito dell'ONP, ed in quest'ultimo caso avremmo perfettamente realizzato una tecnica di "riciclo a cascata" che permette di risparmiare molto denaro e molto spesso di destinare un computer "scartato" dalla segreteria di una ONP, dopo un'accurata revisione, ad un oratorio oppure ad una scuola elementare.

  3. Ed ora l'ultimo punto. Windows Xp è stato rilasciato il 25 ottobre 2001 ed ora è stato molto rivalutato, in quanto, Windows Vista è particolarmente goloso di risorse e soprattuto per l'improvvisa esplosione del mercato dei netbook ovvero gli ultra portatili con monitor che può variare da 8.9" pollici a 10.2" Wide che hanno un prezzo variabile dai 200 euro ai 400 euro circa. Proprio per questo motivo gli aggiornamenti di sicurezza del sistema operativo continueranno per molti anni in quanto sul fronte Microsoft non si intravedono progetti capaci di creare in tempi rapidi sistemi operativi adatti ai notebook di estrema portabilità. Lo stesso Windows 7 presentato di recente nella versione beta potrebbe essere adatto a questi notebook, tuttavia le indiscrezioni Microsoft indicano un possibile rilascio alla fine dell'anno 2009 inizio 2010.

Se avete computer con Windows Xp potete tenervelo stretto ed in molti casi una bella revisione ed un upgrade di memoria RAM possono essere sufficienti per risparmiare molte centinaia di euro.

Con il rilascio di Windows Vista si credeva che il sistema operativo Windows Xp fosse oramai relegato al passato, in realtà, passerà ancora qualche anno, ed un anno in informatica è un periodo lunghissimo, prima che riusciremo definitivamente ad "appenderlo al chiodo". Windows Xp resterà sempre il primo sistema operativo di casa Microsoft che ha permesso a tutti di avere un computer home, professional e multimediale. Considerando che Xp entrerà sicuramente nella storia del software, possiamo utilizzarlo come esempio per spiegare una semplice architettura del sistema operativo. Dalle versioni di Windows NT a 2000 e con l'introduzione di Windows Xp ci sono stati molti progressi, ad esempio la versione NT era efficace come server ma l'assenza del Plug and Play (soprattutto nei primi anni dal lancio) cioè dell'automatico riconoscimento e configurazione delle periferiche e lo scarso supporto multimediale ne hanno limitato l'utilizzo alle applicazioni da ufficio. Windows 2000 supportava il Plug and Play pur restando ancora poco adatto ad applicazioni non aziendali. Con Windows Xp ogni utente può abbandonare le versioni di Windows 98 e Me per utilizzare un sistema operativo orientato all'ambiente professionale (Windows Xp Professional) e Home (Windows Xp Home ed in particolare la versione Media Center). Windows Xp è più efficiente e sicuro rispetto alle precedenti versioni, le applicazioni considerate sicure sono eseguite in kernel mode cioè al massimo livello di protezione, rispetto ad altre applicazioni che sono eseguite in user mode cioè a bassa protezione. Una visione semplificata dell'architettura di Windows può essere rappresentata nel seguente modo.

Kernel Mode

- Hardware: scheda madre, hard disc, scheda video, scheda di rete, modem.. ecc. sono posti allo strato inferiore.


- Nucleo formato dal kernel, GDI, User. Il kernel è il nucleo di un sistema operativo. Il kernel è un software che ha il compito di fornire ai processi in esecuzione sull'elaboratore un accesso sicuro e controllato all'hardware. Dato che possono esserne eseguiti simultaneamente più di un processo, il kernel ha anche la responsabilità di assegnare una porzione di tempo-macchina e di accesso all'hardware a ciascun programma (multitasking). Sopra a tale livello abbiamo i

- Device driver: sono i moduli software che servono ad Xp per usare i dispositivi hardware presenti nel sistema. Per ogni dispositivo sono installati uno o più driver che garantiscono un sicuro funzionamento anche in presenza di accessi multipli tipici dei sistemi multitasking. I componenti hardware ed i drive sono visibili in Gestione Periferiche sotto Gestione computer. I drive sono eseguiti in modalità kernel mode, è buona norma istallare solo driver certificati Microsoft per Xp al fine di evitare crash del sistema. In Windows Xp un drive è svincolato dal tipo di macchina ed i drive non interagiscono direttamente con i device ma con uno strato intermedio detto Hardware Abstraction Layer (HAL.DLL) che è uno standard industriale aperto rilasciato per la prima volta nel dicembre 1996 e sviluppato da HP, Intel, Microsoft, Phoenix e Toshiba. Essa definisce interfacce comuni per il riconoscimento dell'hardware, la configurazione e la gestione energetica di scheda madre e periferiche.

- Servizi di sistema sono applicazioni di solito sono eseguite in back round cioè senza interazione con l'utente. I servizi comprendono funzioni importanti ma esterne al nucleo del sistema operativo. I servizi sono elencati in Strumenti di amministrazione, Servizi. La maggior parte dei servizi di sistema funziona in kernel mode. Utility e servizi sono in User mode ad un livello superiore rispetto al Kernel Mode abbiamo le Utility ed i Servizi seguiti dal Software applicativo.

User mode

- Utility: sono applicazioni eseguite in user mode che permettono all'utente di interagire con il sistema operativo, nella maggior parte delle volte con interfacce grafiche. Esempi sono le Utility di sistema come il System information che si trova sotto programmi, Accessori, oppure la gestione disco che si trova in Gestione computer, Archiviazione.

Software applicativo: ogni applicazione a 32 bit è eseguita in uno spazio di memoria separato e può ricevere i dotazione tuta la memoria fino a 4 GB di memoria virtuale. La memoria virtuale è una architettura di sistema capace di simulare uno spazio di memoria centrale maggiore di quello fisicamente presente; questo risultato si raggiunge utilizzando spazio di memoria secondaria su altri dispositivi, di solito le unità a disco. L'utilizzo della memoria virtuale rallenta le prestazioni. La memoria virtuale è contigua mentre quella reale è gestita a blocchi chiamati pagine che sono allocati in base alle necessità. Le applicazioni a 32 bit in esecuzione sono protette l'una dall'altra, nelle vecchie versioni di Windows un programma poteva invadere lo spazio di meomoria usato dall'altro e generare un crash del sistema. Le applicazioni a 16 bit sono eseguite da Xp in user mode ma in una singola area di memoria. L'utility WOWEXEC.EXE ha il compito di eseguire i programmi a 16 bit, che prima sono convertiti a 32 bit. Le applicazioni DOS sono gestite da Xp attraverso una DOS Vitrual Machine, cioè un ambiente che fa credere alle applicazioni di utilizzare una macchina DOS. A differenza del vecchio cooperative multitasking, Windows offre per le applicazioni a 32 bit il cooperative multitasking che prevede una distribuzione efficiente dell'uso delle risorse, (in particolare dei processori) da parte delle applicazioni in esecuzione.
[Foto di foskarulla sotto licenza Creative Commons]




Fundraising news
nome
cognome
e-mail
Ho letto l'informativa su Privacy e Termini di Utilizzo e presto il mio consenso

iscriviti alla nostra newsletter
invia
Categorie news

 

 

 

 

 

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK