home
cerca nel sito
Fundraising.it

Idee e strumenti per fare fundraising
 

by Redazione
14.04.2006

L'utilità di un database per la raccolta annuale

Ogni anno alla ricerca di fondi? Un lavoro duro e difficile?
No, se conoscete i vostri donatori...e se non li conoscete? VI AIUTIAMO NOI

Tutte le organizzazioni nonprofit ogni anno sono alle prese con la ricerca di fondi per continuare a portare avanti il lavoro quotidiano. Si parla dunque della cosidetta raccolta annuale che è la base da cui partire per costruire una raccolta fondi che sia base e fondamento per future grandi donazioni e donazioni pianificate.
Per fare ciò molte organizzazioni nonprofit danno via a campagne di direct mail, riponendo in esse molte speranze. Ma oltre al costo spesso le organizzazioni nonprofit non sanno chi siano veramente i nuovi donatori che vogliono raggiungere rendendo il direct mail una iniziativa costosa e non efficace per le strategie della nonprofit.

COSA FARE ALLORA?
Ecco, in sintesi, dove guardare in quello che già si ha per non sprecare soldi (il donatore guarda ai costi del fund raising!!) e per migliorare il proprio fund raising:

  • Avete un database dei vostri donatori? Sapete quante volte donano alla vostra organizzazione? Se i vostri donatori hanno continuato a donare almeno 3 volte negli ultimi dieci anni (o nel 60% del tempo) allora forse sono pronti per il grande salto. Per aumentare il loro livello di donazione o fare una donazioni pianificata.
  • Se è così allora smettete di chiedere 10-20€ al vostro donatore e provate a chiedere una donazione maggiore (ma sempre legata ad un progetto reale)
  • Se non è così allora pensate a quante volte avete chiesto una donazione al vostro donatore: più di 6 volte in un anno? Forse è troppo, forse inviare una lettera ogni 2 mesi al vostro donatore è eccessivo.

E' DUNQUE FONDAMENTALE AVERE UN DATABASE, ma perchè?
Perchè grazie ad una buon database si possono capire "i gusti" del donatore. Esempio:
un museo che inaugura una mostra di arte moderna e invita i propri donatori potra' capire quali di questi sono interessati a questo genere d'arte e dunque non gli invierà più una richiesta di donazione per sostenere le collezioni antiche del museo, ma casomai per promuovere una nuova acquisizione di arte moderna. E se il donatore risponderà positivamente si potrà passare da un rapporto impersonale come spesso è il direct mail ad una sollecitazione fatta di persona, "faccia a faccia".

FATE CAPIRE AI VOSTRI DONATORI COME VENGONO USATE LE LORO DONAZIONI, se non hanno chiaro questo non doneranno in futuro e sicuramente non aumenteranno le loro donazioni.

3 CONSIGLI PER una buona raccolta annuale

  • Identificate quei donatori che donano costantemente alla vostra organizzazione (almeno 3 volte negli ultimi 5 anni) e guardate quando donano, se nello stesso mese o nello stesso periodo. Se questa è una costante (esempio dona sempre a Maggio) allora perchè non inviargli una richiesta proprio in quel periodo? Potrebbe avere ritorni straordinari questa iniziativa in termini di risparmi di costi ed aumento della fedeltà del donatore. E se dona, allora non inviategli altre richieste di donazione, ma nei 2-3 mailing che volete inviargli durante l'anno inviategli notizie, aggiornamenti sui progetti per cui ha donato, oppure ditegli semplicemente GRAZIE
  • Testate i vostri appelli. Prima di tutto non crediate che testare sia solo "roba da grandi", anche se avete 300 nomi nel vostro database provate a fare questo esperimento, inviate 100 lettere ai vostri donatori, 100 ad amici dei donatori che da questi vi sono stati segnalati, 100 indirizzi lettere a persone che vivono vicino al luogo dove operate ma che non conoscono la vostra organizzazione. Personalizzate il testo della lettera, rendete la busta semplice ma professionale (basta anche un timbro con un logo fatto bene) e aspettate di valutare i ritorni
  • Non chiedete sempre e solo denaro. Il miglior donatore è un donatore fedele, ma lo si mantiene anche se non sempre gli chiedete una donazione (è un po' come se si incontra un amico ed ogni volta gli si chiede un favore, non ci avete mai pensato?). In sostanza: fate sentire importante per voi il vostro donatore e non solamente un nome nel vostro database.



Fundraising news
nome
cognome
e-mail
Ho letto l'informativa su Privacy e Termini di Utilizzo e presto il mio consenso

iscriviti alla nostra newsletter
invia
Categorie news

 

 

 

 

 

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK