Evento Raccolta Fondi
Tecniche di Fundraising

Ma l’evento speciale di raccolta fondi deve essere sempre un grande evento? No!

Un evento di raccolta fondi non deve essere per forza un grande evento. L’importante è rafforzare la relazione col donatore. Ecco come.

Un evento di raccolta fondi organizzato da una onp costa e rende poco, questo è ciò che si dice. Sono investimenti nel lungo periodo, il ritorno sarà nel tempo altri dicono.

Si può dunque dire che l’evento di raccolta fondi serve a:

  1. coltivare la relazione con potenziali donatori
  2. coltivare la relazione con donatori

Quando si parla di evento solitamente si pensa alle grandi manifestazioni, alle cene di gala con centinaia di invitati (magari sognando gli incassi da favola delle cene di fundraising dei candidati alle presidenziali americane!), dimenticando che un evento di raccolta fondi può anche avere dimensioni più contenute, dove l’aspetto relazionale ed umano è più facilmente ritrovabile.

Domandiamoci infatti cosa rimane dei grandi eventi: pensiamo agli eventi ad alto tasso emotivo come il Live Aid, il Live 8 li abbiamo visti in molti, abbiamo ascoltato le canzoni, magari donato e poi…

La strategia dunque futura è quella di eventi locali, piccoli ma ad impatto nazionale (e non solo). Un esempio? (siccome non raccontiamo balle ma facciamo esempi reali). Oxjam, creato da una grande organizzazione, ma ad impatto estremamente locale: tanti festival musicali locali, organizzati da simpatizzanti locali di Oxfam e da band locali.

Non è replicabile in Italia? Secondo me ci è andato vicino, non nell’idea, ma nel capire la modalità di comunicazione, Terre des Hommes Italia e Paolo Ferrara ( con un originale music contest).

Cosa fare dunque?

Crea un evento non aperto a tutti, riservato. Perchè, invece che invitare i donatori a manifestazioni in locali costosi da affittare, non li si invita sul luogo del beneficiario? Ad esempio una onp che fa una mensa per i poveri perchè non organizzare una cena per i donatori nello stesso luogo della mensa? Si potrebbe così far vedere il luogo che hanno aiutato a costruire, far vedere come lavorano i volontari, e così via. Si crea così un clima più intimo, più comunitario. E’ anche un modo magari per ringraziare particolarmente un donatore che dona da tempo all’organizzazione, per parlare di una nuova campagna, dei nuovi progetti, proprio all’interno della struttura che li ospita!!

Aprire le porte della propria organizzazione, è questo cosa serve per far capire ai donatori e ai potenziali donatori quanto vale la tua organizzazione nonprofit e quello che fa. E non aprirle a tutti, sempre ad un numero limitato di persone (anche 20-25 alla volta). Ognuno si deve sentire accolto come un donatore speciale, il donatore magari può portare con se un amico (un potenziale donatore) che può essere contagiato dal passaparola, può vedere i progetti realizzati, toccare con mano cosa fa l’organizazione.

Ricorda: un evento speciale non lo è per la sua grandezza, ma per quanto incrementa il collegamento e il rapporto tra organizzazione e donatori

Aggiungi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *