Tempo LetturaTempo di lettura: 4 minuti

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Donare al nonprofit

La crescita del nonprofit

Nel 2011 l’ISTAT ha fatto il secondo censimento delle istituzioni nonprofit italiane. Ne è risultato che in Italia lavorano più di 300.000 nonprofit -considerando solo quelle attive-. Non solo, in Italia ci sono quasi 5 milioni di volontari e circa 1 milione tra dipendenti e collaboratori. Numeri tutti in crescita – circa del 30% – rispetto all’ultimo censimento del 2001.


Il profilo del donatore

Quanti sono gli italiani che donano? È difficile avere un dato oggettivo, infatti non esistono solo vie ufficiali e tracciabili. Ad esempio, quanto raccolgono le parrocchie con le offerte della domenica? O alle cene solidali, pagate in contanti, delle piccole donazioni?


Una ricerca effettuata da Doxa con Paypal Italia e Rete del Dono, condotta nel 2019, ci dà qualche dato interessante. Il primo è che l’82% degli italiani afferma di avere fatto almeno una donazione nel 2019.


Chi dona continua a preferire il contante (40%) rispetto a altre forme di pagamento. Le donazioni online sono in crescita (22%). Crescono rispetto al 2018 anche i donatori “saltuari” che scelgono di effettuare una donazione in occasioni particolari.


La generosità degli italiani premia le associazioni delle categorie “salute e ricerca” ed “emergenza e protezione civile”
La ricerca ha dedicato anche un focus ai giovani, con interviste rivolte a un pool di donatori e prospect under 40. I giovani donatori non si limitano al dono, ma sono alla ricerca di una relazione più profonda con l’organizzazione selezionata. Donano solo se trovano spazio per dialogo, trasparenza e chiarezza. Ciò conferma che lavorare in un’ottica di fidelizzazione fa la differenza. Chi dona vuole entrare nel merito ed essere coinvolto in prima persona.

 

Il donatore al centro

E soprattutto non bisogna dimenticarsi chi è al centro del lavoro del fundraiser. Il donatore. Se è vero che i fundraiser devono conoscere i loro donatori, è vero anche il contrario. Anche chi dona può informarsi su come si evolve la cultura del dono attorno a lui. E non solo per le proprie organizzazioni. Conoscere storie virtuose, buone pratiche può essere di ispirazione a molti donatori.


In Italia la cultura del fundraising deve ancora affermarsi. Molto lavoro dipende dai fundraiser e dalla loro capacità di comunicare l’importanza del dono. Ma altrettanto importante (se non forse ancora di più!) è la volontà dei donatori di raccontarsi. In Italia viviamo ancora con il pregiudizio che “la carità si fa in silenzio”. Niente di più sbagliato! Abbiamo bisogno delle testimonianze di chi dona. Possono essere da esempio, aiutare a costruire fiducia sui progetti dell’organizzazione, far capire l’importanza del dono e stimolare altre persone a donare.

 

 

 

Gli ultimi articoli su come inziare a fare fundraising

Crowdfunding

Donazioni durante il Covid: cosa spinge una persona a donare?

Donazioni durante il Covid: “Perchè una persona dona?” Mentre tutto attorno sta cambiando, mi sono chiesto: come cambierà il fundraising?  Purtroppo è difficile dirlo con precisione. Forse impossibile. Ma alcuni fatti di cronaca recente, tra cui la clamorosa raccolta fondi di Chiara Ferragni e Fedez, mi hanno spinto a fare

Italiani solidali: la generosità che muove il nonprofit

Chi sono gli italiani che donano? Dal 2001, annualmente, Doxa svolge questa ricerca per studiare i comportamenti degli italiani rispetto alle donazioni. Inoltre Doxa si interroga sugli atteggiamenti dei cittadini verso le aziende che destinano e comunicano il loro impegno nel nonprofit. La ricerca risponde in dettaglio ai temi più importanti

Coinvolgere i colleghi

Quando entrate in una nuova ONP il vostro compito è quello di costruire delle relazioni con gli altri vostri colleghi. Se state avviando una start-up fundraising è essenziale che incontriate personalmente, a uno a uno, i colleghi dei vari uffici. Spiegate il vostro ruolo, dite che siete a servizio della ONP, Solo se capiranno la necessità di fare fundraising saranno coinvolti. E per voi è essenziale che lo siano, perché sono gli unici che possono fornirvi le informazioni di cui avete bisogno per impostare la vostra strategia. 
Dovere lavorare a stretto contatto con chi si occupa di budget e con l’amministrazione. Quanti soldi servono per realizzare i progetti? E per cosa verranno spesi? Cosa dobbiamo chiedere ai nostri donatori? 
E ancora, se chi si occupa di amministrazione non vi informa tempestivamente (quindi giornalmente) sulle donazioni ricevute, come potete organizzare i ringraziamenti in modo tempestivo?
Dovete lavorare con chi realizza i progetti. Che cosa possiamo raccontare ai donatori. Servono storie, testimonianze, esperienze, immagini…quante più informazioni possibile da chi lavora sul campo.

Coinvolgere i volontari

Allo stesso modo, un bisogno enorme dei volontari.  I volontari possono esservi di aiuto in moltissime situazioni. Banchetti di piazza, piccoli eventi, imbustare le lettere per i donatori, raccogliere le anagrafiche.
Ricordate che spesso i volontari, dal momento che prestano il loro tempo gratuitamente, sono percepiti da molti potenziali donatori, come fonti autorevoli per parlare dell’organizzazione che rappresentano. Per cui non dimenticate di formarli bene su come presentare i vostri progetti.
 

Il fundraiser al centro dell’organizzazione

Per questo è importante che la cultura della raccolta fondi sia allargata a tutta l’organizzazione. Il fundraiser pianifica, organizza…ma se deve passare il suo tempo a convincere tutti i suoi colleghi che sta facendo un lavoro importante e che ha bisogno di aiuto, quando gli rimane il tempo per lavorare? È come partire per una ferrata. Se l’organizzazione è coinvolta il fundraiser parte dalla base dell’inizio della ferrata, corda moschettoni e inizia a scalare per arrivare in cima. Se l’organizzazione è scollegata, il fundraiser parte dai piedi della montagna e prima di iniziare a scalare, deve camminare ore e ore per raggiungere la partenza.

Gli ultimi articoli sulle tecniche per la raccolta fondi

Comunicazione per il nonprofit

Paolo Iabichino e la pubblicità per il nonprofit

Durante il Festival del Fundraising 2020,  Valerio Melandri ha intervistato varie persone al di fuori del settore nonprofit. Si tratta di professionisti con diverse esperienze, capaci di dare una prospettiva diversa al lavoro del fundraiser. È il caso di Paolo Iabichino, creative advisor. Lui guarda, ascolta e poi scrive pubblicità.

Il network

Professione fundraiser

Nonostante il lavoro di coinvolgimento di tutta l’organizzazione continuate a sentirvi soli – e non è così impossibile, dato che il fardello di portare a casa i soldi è sulle vostre spalle- ? Ricordatevi che fate parte di una community che ogni anno si fa sempre più grande. In Italia è ancora grande l’imbarazzo quando in una conversazione dite che fate i fundraiser. “ i Fund…chè?” E fa sorridere che sia più cercata la parola fOUndraising, rispetto al suo corretto Fundraising. Ma ogni anno i fundraiser diventano sempre di più, e più formati, specializzati. Un censimento di un paio di anni fa ci mostra che

dati sul censimento 2018

Per cui coraggio, un passo alla volta stiamo diventando una categoria sempre più compatta.

La formazione

Vi capita a volte di sentirvi persi? La fiscalità cambia di continuo, il confronto con il board sembra sempre tornare al punto di partenza, non fai tempo a pensare a una strategia digitale, che già le carte in tavola sono cambiate. Ogni estate, mentre boccheggi per il caldo, il Natale incombe minaccioso. Sono sensazioni che chiunque lavori nella raccolta fondi ha provato almeno una volta. Per questo la formazione costante e il confronto continuo con i colleghi sono parte interante del nostro lavoro.
Per fortuna oggi i momenti di confronto e formazione sono tanti e i dati su cui basare le analisi delle nostre campagne di fundraising sono ormai una bibliografia consistente e strutturata.
Non ci sono più scuse per rimanere indietro. C’è il master di Forlì, la scuola di Fundraising di Roma, quella per gli enti religiosi. Ogni anno 3 giorni di confronto al festival del fundraising. Assif. I gruppi territoriali. Community online sempre più numerose. Fundraising.it… e per i momenti più disperati c’è anche wineraising!

 

Fundraiser, non siete soli!

Dimenticati il don Chisciotte solitario, e anche il povero alpinista che parte all’alba con corde e chiodi. Avete un ruolo riconosciuto nella tua organizzazione. Fate parte di una community che si sta allargando. Restate sintonizzato.