Eventi Di Piazza Online
Storie di nonprofitTrend del Terzo Settore

Spostare il più grande evento di piazza, online? La testimonianza di Airc

Spostare un evento di piazza online? Si può, Ce lo hanno raccontato Niccolò Contucci, direttore generale di Airc e Alessandra Delli Poggi, corporate fundraiser.
580.000 azalee pronte per le piazze, stavano sfiorendo chiuse nei vivai e con loro la ricerca sul cancro. Come ha risposto Airc all’emergenza?

Oggi il festival del fundraising 2020 si è aperto con una bellissima testimonianza di Niccolò Contucci e Alesandra Delli Poggi di Airc. Niccolò e Alessandra ci hanno raccontato come hanno rimodellato la celebre campagna di piazza delle azalee di maggio, impensabile da organizzare a causa del lockdown.

Tuttavia, non era nemmeno possibile annullarla. Per questioni logistiche le piante erano già state tutte ordinate. Tutte e 580.000! Per cui era indispensabile riuscire almeno a coprire i costi dell’evento. Altrimenti sarebbe stato un colpo davvero troppo duro per i progetti di ricerca che Airc porta avanti.

Come per molte altre realtà che si sono trovate a gestire il loro lavoro durante i mesi dell’isolamento sociale, c’era solo una via da percorrere. Portare il più grande evento di piazza in Italia, online. In soli 60 giorni. Inizia quindi un frenetico countdown per riuscire a realizzare l’evento.

Le relazioni – la partnership con Amazon

Il primo passo per per trovare una soluzione organizzativa, è capire che occorre guardare fuori. Quando si è parte del problema la soluzione sta fuori. Interrogare gli stakeholder, i partner coprotagonisti, con il limite del tempo, i minuti non settimane”.Afferma Niccolò.

Grazie a un contatto Airc è arrivata ad un partner di eccellenza. Amazon. L’azienda ha immediatamente capito la gravità istituzionale: togliere soldi alla ricerca. Ma anche tutta la componente organizzativa estremamente complessa: azalee che sfiorivano nei vivai e che dovevano essere consegnate in un pack singolo al donatore senza deteriorarsi nel viaggio.

Il posizionamento – la ricerca in tempi di Covid

Occorreva rendere evidente quel che stava accadendo: la ricerca scientifica non doveva fermarsi. Il Covid ne era la prova. Perciò la decisione è stata quella di fare una campagna straordinaria che dicesse: signori, mai come in questa occasione la ricerca scientifica è fondamentale. Guardate che la ricerca è l’unico modo per salvarci. Anche da questa pandemia. “Nella campagna pubblicitaria non abbiamo citato il cancro ma la ricerca – spiega Alessandra – Sono stati usati nuovi canali istituzionali, rimodulato il tono di voce, il mood”.

Donor care e Customer care

Per la prima volta Airc si trova a gestire una situazione particolare. Il donatore, attraverso l’uso di Amazon, era diventato un cliente. L’ufficio donor care di Airc si trova a gestire un customer service. In poche settimane arrivano 22.000 messaggi, dei più disparati. Ad esempio: “grazie per la azalea, ma stavo aspettando il coperchio della pentola a pressione’. Airc ha dato una risposta straordinaria. Per 20 giorni consecutivi, dalle 8 del mattino alle 24 il team dell’organizzazione, in turni di 2 ore ha risposto a tutte le richieste dei donatori. Tutte e 22mila.

Il Dubbio

15 giorni prima del lancio della campagna, una volta affrontati i problemi logistici, affiora un dubbio. I costi stavano salendo. La campagna online sarà in grado di garantire un risultato economico soddisfacente?

La certezza non c’è, ma bisogna tentare. E a fine campagna i risultati sono stati più che positivi. Oltre a coprire i costi di partenza (l’acquisto delle azalee) e i costi aggiuntivi (il pack e la spedizione), la campagna ha portato un margine netto importante.

E non solo, i quattro quinti dei donatori erano persone che non risultavano dei database di Airc. “Un’enorme porzione di italiani che fino a quel momento non si era accorta di noi”, commenta Nicolò Contucci.

Cosa insegna il salvataggio delle azalee? Sicuramente quanto sia indispensabile una flessibilità organizzativa a partire dal board  e la reattività a trovare alternative rapide.

 

Aggiungi un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *