Tempo LetturaTempo di lettura: 4 minuti

Lavorare nel nonprofit

L’eroe solitario

Troppo spesso si considera il fundraiser un eroe solitario, che lavora da solo, senza confronto né supporto e che alla fine dell’anno per magia fa sputare dei soldi. NON è così. Il fundraiser deve essere al centro dell’organizzazione. Il fundraising è un processo dinamico che distribuisce la propria forza d’azione su tutta l’organizzazione. Per funzionare deve coinvolgere e motivare il consiglio direttivo, il personale retribuito e i volontari. Per realizzare un piano di fundraising di successo il fundraiser deve essere integrato nell’organizzazione.

Coinvolgere il Consiglio direttivo

Affinché un piano di fundraising sia un successo, il consiglio deve essere ingaggiato e deve essere consapevole del cambiamento culturale che il fundraising porta all’interno dell’organizzazione. Deve creare il terreno fertile in cui il fundraiser possa lavorare.
Quante volte si sente dire in un consiglio di amministrazione “Noi non possiamo chiedere perché i nostri sostenitori si offendono” oppure “Noi non possiamo spendere tutti questi soldi per un piano di fundraising, dobbiamo pensare ai progetti”. Oppure “non ci serve un fundraiser qualificato, abbiamo la signora volontaria, può farlo lei”. E ancora, il vostro board è fatto di donatori? Perché se i il vostro Presidente è il primo a dire “io non dono, perché metto già a disposizione il mio tempo”. Bhè, iniziamo male!
Ecco, il vostro compito come fundraiser è rispondere a queste obiezioni e sintonizzare il consiglio sulla raccolta fondi.

Gli ultimi articoli su come inziare a fare fundraising

Raccolta fondi e sito web: le cose da sapere anche se non sei un tecnico

Il sito web è la base di partenza di tutta l’attività di digital fundraising. Il sito racconta la storia della vostra organizzazione nonprofit: il luogo in cui raccontate di voi (la mission, le attività più belle, gli impatti che generate…) e con cui catturate l’attenzione di chi legge, emozionando con

Major Donor Fundraising – dalla strategia alla personalizzazione

Major Donor Fundraising: un mondo affascinante e al tempo stesso molto concreto. Nei paesi anglosassoni è una pratica comune, ma in Italia è una condizione più rara e spesso noi fundraiser arriviamo a lavorare nell’area Major Donor quasi per caso. Chiara Blasi, Responsabile dell’area Grandi Donatori di AIRC e Giulia Dalloni, fundraiser

Coinvolgere i colleghi

Quando entrate in una nuova ONP il vostro compito è quello di costruire delle relazioni con gli altri vostri colleghi. Se state avviando una start-up fundraising è essenziale che incontriate personalmente, a uno a uno, i colleghi dei vari uffici. Spiegate il vostro ruolo, dite che siete a servizio della ONP, Solo se capiranno la necessità di fare fundraising saranno coinvolti. E per voi è essenziale che lo siano, perché sono gli unici che possono fornirvi le informazioni di cui avete bisogno per impostare la vostra strategia. 
Dovere lavorare a stretto contatto con chi si occupa di budget e con l’amministrazione. Quanti soldi servono per realizzare i progetti? E per cosa verranno spesi? Cosa dobbiamo chiedere ai nostri donatori? 
E ancora, se chi si occupa di amministrazione non vi informa tempestivamente (quindi giornalmente) sulle donazioni ricevute, come potete organizzare i ringraziamenti in modo tempestivo?
Dovete lavorare con chi realizza i progetti. Che cosa possiamo raccontare ai donatori. Servono storie, testimonianze, esperienze, immagini…quante più informazioni possibile da chi lavora sul campo.

Coinvolgere i volontari

Allo stesso modo, un bisogno enorme dei volontari.  I volontari possono esservi di aiuto in moltissime situazioni. Banchetti di piazza, piccoli eventi, imbustare le lettere per i donatori, raccogliere le anagrafiche.
Ricordate che spesso i volontari, dal momento che prestano il loro tempo gratuitamente, sono percepiti da molti potenziali donatori, come fonti autorevoli per parlare dell’organizzazione che rappresentano. Per cui non dimenticate di formarli bene su come presentare i vostri progetti.
 

Il fundraiser al centro dell’organizzazione

Per questo è importante che la cultura della raccolta fondi sia allargata a tutta l’organizzazione. Il fundraiser pianifica, organizza…ma se deve passare il suo tempo a convincere tutti i suoi colleghi che sta facendo un lavoro importante e che ha bisogno di aiuto, quando gli rimane il tempo per lavorare? È come partire per una ferrata. Se l’organizzazione è coinvolta il fundraiser parte dalla base dell’inizio della ferrata, corda moschettoni e inizia a scalare per arrivare in cima. Se l’organizzazione è scollegata, il fundraiser parte dai piedi della montagna e prima di iniziare a scalare, deve camminare ore e ore per raggiungere la partenza.

Il network

Professione fundraiser

Nonostante il lavoro di coinvolgimento di tutta l’organizzazione continuate a sentirvi soli – e non è così impossibile, dato che il fardello di portare a casa i soldi è sulle vostre spalle- ? Ricordatevi che fate parte di una community che ogni anno si fa sempre più grande. In Italia è ancora grande l’imbarazzo quando in una conversazione dite che fate i fundraiser. “ i Fund…chè?” E fa sorridere che sia più cercata la parola fOUndraising, rispetto al suo corretto Fundraising. Ma ogni anno i fundraiser diventano sempre di più, e più formati, specializzati. Un censimento di un paio di anni fa ci mostra che

dati sul censimento 2018

Per cui coraggio, un passo alla volta stiamo diventando una categoria sempre più compatta.

La formazione

Vi capita a volte di sentirvi persi? La fiscalità cambia di continuo, il confronto con il board sembra sempre tornare al punto di partenza, non fai tempo a pensare a una strategia digitale, che già le carte in tavola sono cambiate. Ogni estate, mentre boccheggi per il caldo, il Natale incombe minaccioso. Sono sensazioni che chiunque lavori nella raccolta fondi ha provato almeno una volta. Per questo la formazione costante e il confronto continuo con i colleghi sono parte interante del nostro lavoro.
Per fortuna oggi i momenti di confronto e formazione sono tanti e i dati su cui basare le analisi delle nostre campagne di fundraising sono ormai una bibliografia consistente e strutturata.
Non ci sono più scuse per rimanere indietro. C’è il master di Forlì, la scuola di Fundraising di Roma, quella per gli enti religiosi. Ogni anno 3 giorni di confronto al festival del fundraising. Assif. I gruppi territoriali. Community online sempre più numerose. Fundraising.it… e per i momenti più disperati c’è anche wineraising!

 

Fundraiser, non siete soli!

Dimenticati il don Chisciotte solitario, e anche il povero alpinista che parte all’alba con corde e chiodi. Avete un ruolo riconosciuto nella tua organizzazione. Fate parte di una community che si sta allargando. Restate sintonizzato.

 
 

Tutti gli articoli della categoria

Un percorso che ti cambia la vita: Il Master in Fundraising

Ricordo ancora quando comunicai per la prima volta a mia mamma di voler tentare le selezioni al Master in Fundraising. Fu la prima a saperlo. Era estate, Agosto, un giorno di settimana. Lei arrivò per pranzo ed io emozionata, le dissi: “ho trovato la risposta! So che cosa voglio fare!”.

Pornofundraising: vogliamo donatori o sostenitori della causa?

Le immagini forti sono ancora uno strumento utile al fundraising? Se sei qui forse è perchè il titolo di questo articolo ti ha stuzzicato ? L’ho preso in prestito da “poverty porn”, argomento di cui si discute almeno da 40 anni nel mondo del fundraising. Come prima cosa ti faccio

Non-fungible-token (NFT): una nuova opportunità per il fundraising?

Gli NFT (Non-Fungible-Token) sono sulla bocca di tutti. Sono quasi sicuro che almeno una volta ne avrai sentito parlare anche tu. Magari da un tuo amico, dal telegiornale, in un articolo web.  Quello degli NFT è un mondo che sta attraversando un grande boom, destinato a durare a lungo nel

Come fidelizzare i tuoi donatori con l’Heavy Metal

“Trasformare gli estranei in amici e gli amici in clienti”:   in poche parole questa frase ben spiega una delle basi della fidelizzazione dei clienti (e dei donatori). Ti ricordi chi la scrisse? Seth Godin, nel libro Permission Marketing che venne pubblicato in Italia per la prima volta ben 22 anni